Massimino. Once upon a time the Fiat, a child and Ettore Scola

Home / Massimino. Once upon a time the Fiat, a child and Ettore Scola

MASSIMINO

Once upon a time the Fiat, a child and Ettore Scola

Pierfrancesco Li Donni

(Italy, 2017)

 

 

 

 

 

Ettore Scola, nel 1973, realizza il film Trevico-Torino, storia di un ragazzo del sud in cerca di lavoro alla Fiat. Dieci anni dopo, Scola torna a Torino per girare Vorrei che volo un documentario di propaganda commissionatogli dal Partito Comunista Italiano. In quel film, il piccolo protagonista incarna la speranza di un futuro migliore. Quel bambino, quarant’anni dopo ha passato più di metà della sua vita in carcere. Il film parte dalla rielaborazione del materiale d’archivio di Trevico-Torino e Vorrei che Volo tessendo un confronto impietoso tra passato e presente.

 

In 1972, Ettore Scola tells the story of a young immigrant coming from the South of Italy and arrived to Turin to work at the Fiat. In 1980 he makes the propaganda movie Vorrei che volo on behalf of the Italian Communist Party. In that movie the very young protagonist Massimino embodies the hope for a better future. 40 years later, we find that Massimo Masotina has spent more than half of his life between robberies and prison and that today he looks for a job as a labourer. “Massimino” starts from the reprocessing of the archive material of Vorrei che volo and Trevico Torino, by spinning a pitiless web between past and present and by reasoning about the conflict between past hopes and present disillusions.  

 Pierfrancesco Li Donni

Pierfrancesco Li Donni è laureato in storia contemporanea e ha studiato editing alla Cineteca di Bologna.
Nel 2012 esordisce alla regia con il film documentario “Il Secondo Tempo” (Courmayeur Noir in Festival, Salina doc, Ischia Film Festival), l’anno dopo realizza il corto-documentario “Sempre Vivi”. “Loro di Napoli – Afro- Napoli United” é il suo secondo documentario, vincitore del miglior film italiano al Festival dei Popoli, del premio Télérama per il miglior film internazionale al Fipa di Biarritz, del Docs MX di Città del Messico, del Premio AAMOD al Sicilambiente Documentary Fest, del Premio Cinema del Reale in Puglia e ha ricevuto menzioni speciali al 26° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina, al Primed di Marsiglia e al Molise Cinema, oltre ad essere stato selezionato in più di 35 festival internazionali e programmato in oltre di 100 città tra Italia e Francia. Nel 2016 realizza il documentario Televisivo “Prima cosa buongiorno” andato in onda su TV2000. Nel 2017 ha vinto la prima edizione del Premio Zavattini con il corto-documentario a base parziale di archivio “Massimino”, selezionato successivamente nella sezione Prospettive al Filmmaker Festival di Milano.
Come film-maker ha collaborato con Repubblica Tv, Sky e realizzato pubblicità sociali per la Rai e Fox4dev. Si è occupato del montaggio di alcuni instant doc su Andrea Camilleri per Corriere Tv.
(ultima modifica: 27/11/2017)

 

Pierfrancesco Li Donni graduated in Contemporary History and studied editing at the Cineteca of Bologna.In 2012 he made is debut in directing with his first documentary “Il Secondo tempo” (Courmayer Noir in Festival, Salina doc, Ischia Film Festival) and one year later he realized the short documentary film “Sempre vivi”, on behalf of the European Committee: they both tells about the period of the mafia carnages in Palermo. “Loro di Napoli – Afro- Napoli United” is his second documentary, awarded the prize as best Italian Movie of the Festival dei Popoli, the prize of Télérama as best international film of Biarritz Fipa, the prize of Docs MX (Mexico City), the prize of the Cinema del Reale in Apulia, the prize of AAMOD by the Sicilambiente Documentary Fest, the first prize at the Calcio Solidale in Fest. It received also honourable mentions at the 26° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina, at the Primed of Marsiglia e at the Molise Cinema, and it was selected by more than 20 International Festivals and screened in more than 70 cities between Italy and France. In 2016 he realised the tv documentary “Prima cosa buongiorno” transmitted by TV2000 and in 2017 he was awarded the Premio Zavattini (first edition) with the partially based on archive material “Massimino”. As a filmmaker he worked with  Repubblica TV, Sky and he realised some commercials for the Rai per il sociale and Fox 4 dev. He worked on the editing of some instant doc about Andrea Camilleri commissioned by Corriere TV and Rai Teche.

Filmograpy

Il Secondo Tempo – 2012

Sempre Vivi – 2013

Loro di Napoli- Afronapoli United – 2015

Prima cosa buongiorno – 2016

Massimino –  2017